L’Ultimo Pianto

Alcuni giorni fa sono rientrato da un veloce soggiorno italiano. Per quanto riguarda l’esperimento di imbottigliamento del nostro vino, dopo alcuni assaggi, ho deciso insieme a mio fratello di prolungare il periodo di affinamento in barrique. Per il resto, le mie giornate sono state soprattutto occupate dal tagliare una vecchia vigna che oramai si trovava alla fine del suo ciclo vitale.

Questa parte del vigneto – mi raccontava mio padre tra una pausa e l’altra – era stata impiantata insieme a mio nonno quando lui ancora non era ventenne, quindi le viti avevano un’età media di 50 anni. L’ultima vendemmia ci ha mostrato una vigna stanca, ormai troppo in balia degli scherzi del clima, così si è deciso di estirparla. Il paradosso è che siamo intervenuti con accette e motoseghe proprio mentre la linfa iniziava a risalire lungo i canali linfatici: le viti testardamente con il loro “pianto” stavano riprendendo vita dopo l’inverno.

La mattina siamo stati accolti da un limpido cielo blu che contrastava perfettamente con la bruna terra argillosa del colle: per me semplici fredde giornate di Marzo, per mio padre giornate ricche di ricordi che ormai sembravano essere dimenticati. Mi ha raccontato delle fatiche per preparare a mano il terreno ad accogliere le barbatelle e del rimbombare nella valle delle mine per addomesticare le pareti di roccia più dure. E’ difficile raccontarvi il suo sguardo rivolto a ciò che restava di quella vigna, che con costanza, anno dopo anno, aveva curato e accompagnato nel susseguirsi degli sviluppi vegetativi e produttivi. Giacomo Tachis sostiene che “l’uomo, invecchiato, contemplando la vigna ritrova in sé il ragazzo di tante stagioni precedenti”. Anch’io per molti anni sono stato parte attiva di quel ciclo vitale, anch’io provo malinconia nel vedere la solitudine delle legna che si intrecciano, come si intrecciano i ricordi nella nostra testa, in grossi mucchi. Quelle viti ora accatastate per essere arse racchiudono la storia e le emozioni di gran parte della vita di un uomo, pronte a svanire in una nuvola di fumo.

Enrico Nera      Founder www.ParliamoDiVino.com

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • LinkedIn
  • Yahoo! Buzz
This entry was posted in Italiano and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>